You are currently browsing the category archive for the ‘UNESCO Commissione Nazionale Italiana’ category.

download

SCHEDA REGISTRAZIONE PARTECIPANTI

Workshop Venezia 10 11 2009 Unioncamere Veneto VEGA nuova economia postindustriale

download file: UNESCO DESS Italia 2009 Brochure Stampa (la conferenza stampa di presentazione nazionale è in programma venerdì 6 novembre ore 10:00, CNI Unesco, piazza Firenze 27 – Roma)

Per l’edizione 2009 della Settimana Unesco di Educazione allo Sviluppo Sostenibile (9-15 novembre ’09), il Comitato italiano UNESCO DESS ha scelto il tema della CITTA’ e CITTADINANZA.

La manifestazione, promossa e patrocinata dalla CNI Unesco, ha in primo luogo lo scopo di sviluppare negli individui come nelle collettività, negli enti locali come nelle imprese capacità operative e di azione responsabile finalizzate ad una città ecologica e solidale, fondata su nuovi stili di vita, improntati su una cittadinanza consapevole e partecipata.

Tutte le istituzioni, le organizzazioni, gli enti, i centri, le scuole, le ONG, le università, le imprese etc impegnate nell’educazione allo sviluppo sostenibile saranno invitate per l’occasione a promuovere, possibilmente in sinergia, iniziative educative e di sensibilizzazione.

La Settimana di Educazione allo Sviluppo Sostenibile si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. L’iniziativa è realizzata con la collaborazione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio – Direzione Ricerca Ambientale e Sviluppo e con il sostegno di Poste Italiane e Braccialini.

postindustriale workshop 10 novembre venezia vega unioncamere veneto film

  • 10 novembre 2009, proiezione integrale del film in anteprima nazionale. MARGHERA
  • ore 12:00, c/o Uniocamere Veneto – VEGA Parco Scientifico Tecnologico Venezia
  • per partecipare iscriversi inviando email a: postindustriale@gmail.com

cattedrali del mare postindustriale workshop 10 novembre 2009

La costa del Mediterraneo è disseminata di luoghi che rappresentano, come in un caleidoscopio, lo straordinario intreccio tra il territorio, l’uomo e le tecnologie di produzione e di costruzione. Questi paesaggi preziosi e fragili, spesso abbandonati e sottratti alla percezione comune, sono le Cattedrali del Mare: templi laici del lavoro lungo il complesso confine tra terra ed acqua. Per ogni regione italiana si è scelto un esempio emblematico di questo intreccio, nel suo delicato equilibrio tra riconversione ed implosione, tra opere della natura e dell’uomo. Si è posta l’attenzione su tanti manufatti dimenticati ma anche sui sistemi culturali territoriali di riferimento. Queste risorse sono raccontate attraverso un documentario, un libro, una mostra itinerante, che scandagliano diversi patrimoni, su scala europea ed italiana, con l’intento di evindenziare criticità e opportunità nel recupero delle Cattedrali del Mare.

italia cattedrali del mare postindustriale workshop 10 novembre 2009

Abbiamo trattato dei principali arsenali italiani, che sono ancora in uso produttivo e militare, di Venezia, La Spezia e Taranto. Come esempio di recupero del patrimonio industriale costiero abbiamo scelto la Città della Scienza a Bagnoli e la Manifattura delle Anguille a Comacchio. Alcuni casi presentati sono sul waterfront adiacente alla città storica, come le infratrutture portuali e gli arsenali appunto, come a Trieste e Comacchio; altri erano del tutto periferici ma ora sono stati avvolti dalla pressione urbana, come nei casi di Follonica, Piombino, Portorecanati e Vibo Valentia. Altre cattedrali laiche sono isolate sulla linea di costa e raccontano le tante interazioni possibili tra terra mare ed architetture industriali: dai manufatti lanciati nel mare, come le Piattaforme offshore o i Trabocchi abruzzesi, alle borgate incastrate sulla falesia come a Buggerru, Furore e all’Argentiera, all’hangar che sovrasta la costa come ad Augusta. Infine, alcuni casi rimangono ancora in splendida solitudine sulla battigia, come a Sampieri ed a Porto Santelpidio.

La costa italiana è lunga quasi la metà dell’intera costa mediterranea europea e dunque l’indagine a campione sul nostro patrimonio può e deve essere prototipo a livello internazionale. Non a caso il progetto trae spunto da una mostra itinerante che ha toccato nove paesi europei nel 2006 in un contesto europeo dove costruire nuove reti e progetti tra le istituzioni responsabili dello sviluppo delle Cattedrali del Mare.

UNESCO DESS Workshop Venezia 10 novembre 2009 Unioncamere Veneto VEGA

La Commissione Nazionale Italiana UNESCO ha ufficializzato il riconoscimento dell’evento in programma il prossimo 10 novembre all’Unioncamere Veneto (VEGA)

Il Workshop Venezia “nuova economia postindustriale” è inserito nell’ambito della Settimana per l’Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2009.

linee strategiche nuova economia postindustriale 10 novembre 2009 workshop venezia

online in questo momento

  • 4.340 visite dal 1.10.2009
Creative Commons License
Materiale digitale pubblicato con Licenza Creative Commons.

Categorie

Link più cliccati

  • Nessuno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: